Il gioco per i bambini

“I giochi dei bambini non sono giochi, bisogna considerarli come le loro azioni più serie”. Michel de Montaigne

Fonte: martaalbe.com

Autore: Marta Albè

Per i bambini il gioco è l’azione più seria del mondo. Quando i bambini giocano stanno scoprendo il mondo, stanno imparando chi sono e stanno esprimendo se stessi e le proprie capacità e potenzialità.

Perché i bambini giocano? Forse perché grazie al gioco si sentono bene e sono felici. Alcuni adulti tendono a considerare il gioco come un’attività ‘poco seria’ e ‘infantile’, senza sapere quanto sarebbe importante ricominciare a giocare ed entrare in contatto con il proprio bambino interiore.

“I giochi dei bambini non sono giochi, bisogna considerarli come le loro azioni più serie”
(Michel de Montaigne)

I bambini si esprimono attraverso il gioco e sappiamo bene come il gioco possa diventare uno strumento di apprendimento. A scuola si può insegnare divertendo, proprio attraverso il gioco. Ed esistono miriadi di giochi che aiutano ad apprendere abilità pratiche o nozioni ed anche ad imparare le parole di una lingua straniera, ad esempio, la matematica o la grammatica italiana.

Difficilmente i bambini scorderanno ciò che hanno appreso attraverso il gioco. Sono gli adulti che si dimenticano di giocare perché crescendo la visione del gioco cambia, perde di importanza. Il gioco diventa ridicolo.

bambini-gioco

Eppure, se per i bambini il gioco ha la massima importanza, la può avere ancora anche per gli adulti perché il nostro io interiore quando cresciamo ha ancora dentro di sé quel bambino che ha solo bisogno di abbracci, coccole e sorrisi e, appunto, di gioco.

Per i bambini il gioco è l’azione più seria del mondo ma anche la più divertente. Per crescere bene i bambini hanno bisogno di un ambiente ricco di stimoli e di possibilità di esplorazione e di espansione della conoscenza.

Oggetti, musica, suoni, colori, tessuti, materiali, libri, immagini, giochi e giocattoli, storie da raccontare e da ascoltare. Ogni proposta di gioco per il bambino può diventare un’opportunità imperdibile e a volte irripetibile, perché il contesto, il tempo a disposizione e le persone che si hanno accanto possono cambiare da un momento all’altro.

Il gioco fa parte del ‘mestiere di vivere’ del bambino. Che siamo genitori, educatori o insegnanti, cerchiamo sempre di agevolare i bambini nel gioco. La loro infanzia si arricchirà e quando diventeranno grandi ci ringrazieranno per i bei ricordi che abbiamo donato e creato per loro.

I commenti sono chiusi.